GIOELE SINDONA
Preparatore della sezione archi dell'orchestra

gioele 1.jpg

Gioele Sindona si è diplomato in violino nel 2006 al Conservatorio “B.Maderna” di Cesena e nel 2009 ha conseguito il Diploma Accademico di II livello in prassi esecutiva e repertorio del violino moderno sotto la guida dei Prof. Alina Company e Paolo Chiavacci. Ha frequentato corsi e Master Class con i Maestri Emmanuele Baldini, Pietro Horvath, Francesco De Angelis, Enzo Porta, Gaby Lester e Stefano Montanari.

Nel 2014 si è specializzato in violino barocco conseguendo a pieni voti il Diploma Accademico di II livello sotto la guida del Maestro Luca Giardini.

Ha partecipato a numerosi concerti sinfonici e produzioni liriche con l'orchestra del Conservatorio. Ha collaborato anche con l'Orchestra Bruno Maderna di Forlì.

Nel 2005 ha frequentato il corso per professori d'orchestra “Progetto palcoscenico” patrocinato dalla regione Abruzzo. Dal 2008 al 2012 ha collaborato con “Orchestra Città Aperta” (Aquila), svolgendo concerti e registrazioni di colonne sonore di film.

Si è inoltre esibito in concerti pubblici con diverse formazioni da camera: in duo (violino e pianoforte), in trio ( violino, violoncello e pianoforte) e quartetto d'archi.

Dal 2004 si interessa di musica tradizionale etnica e popolare. Nello stesso anno ha collaborato con il gruppo “Bevano Est” e ha partecipato alla realizzazione del loro disco “Ramingo”. 

Dal 2006 al 2011 ha fatto parte del gruppo folk-rock “Khorakhanè”, con il quale ha partecipato nel 2007 al 57° Festival di SanRemo, vincendo il secondo premio della critica nella sezione giovani. Con loro ha svolto concerti in Italia e all’estero, ha registrato diversi singoli radiofonici e due dischi: “La ballata di Gino”(2007) e “l’Esploratore”(2010).

Dal 2005 collabora con il Maestro Bardh Jakova, scoprendo la sua grande passione per la musica tradizionale dei Balcani. Dal 2007 al 2018 ha diretto con Jakova un laboratorio di musica d’insieme dedicato soprattutto alla tradizione albanese e kosovara. Fondano in collaborazione con l'ass. culturale “Casa del Cuculo” il gruppo “Spartiti per Scutari Orkestra” attivo dal 2008 al 2020 con concerti in Italia e all'estero.

Dal 2008 al 2011 si dedica inoltre allo studio della nyckelharpa, strumento ad arco svedese, frequentando il corso “European Nyckelharpa Training” alla Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli. Nel 2010 ha partecipato al progetto europeo di cooperazione denominato “CADENCE”, dedicato all’insegnamento musicale agli adulti. Nell’ambito di questo progetto, che ha coinvolto tre istituti di tre differenti paesi, Italia, Germania e Svezia, ha registrato un concerto dal vivo per la radio culturale tedesca Deutschlandfunk e ha pubblicato due articoli sul sito web www.cadence.nyckelharpa.eu. Nel 2013 ha partecipato inoltre al progetto europeo “ENCORE” - Eropean Nyckelharpa Orchestra.

Dal 2009 suona con il gruppo “Siman Tov” dedicandosi in particolare alla musica klezmer e al repertorio di canzoni yiddish. Si è dedicato anche allo studio della musica classica turca frequentando seminari con Christos Barbas e Peppe Frana.

Ha stretto collaborazioni musicali anche in ambito teatrale. Nel 2018 ha suonato nello spettacolo “Padre e figlio” con Massimo Popolizio. Nel 2019 ha partecipato, nel ruolo di musicista e attore, allo spettacolo “Stal Mami reloaded”, realizzato dalla compagnia “Città Teatro” per la Sagra Malatestiana di Rimini. Collabora dal 2018 con la compagnia “Teatro Zigoia” nell'ambito del progetto “Escursioni teatrali”.

Da ormai dieci anni suona con “Italian Jazz Orchestra” diretta dal M° Fabio Petretti.

E’ docente di violino presso la “Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli” e l'Istituto Musicale Corelli di Cesena.